imagesAxelle non capisce. Axelle si porta un mare di emozioni dentro. Perché lui, Jeremy in fondo è giovane. Un giovane adulto. Per questo Axelle è confusa. Ha paura. Si sente speciale Axelle, immagina di esserlo. L’imbarazzo a volte è il prezzo. Ma sentirsi speciali, beh quello vale molto. Significa tanto.

A 14 anni, a 13 anni, forse addirittura a 10 anni, l’amore è sopito appena sotto pelle. È lì pronto, ma non ancora maturo abbastanza. È un germoglio che ha bisogno di tempo, che occorre proteggere con cura e dolcezza.

Ma Jeremy quel fiore lo coglie.

Coglie Axelle, Stephanie, forse Elisabeth, potrebbe Anne… e quando un fiore viene colto troppo presto: sanguina. E sanguinerà a lungo.

Una storia semplice che fa male. Che è la storia di tanti. Di troppi.

Un film che parla di pedofilia con forza e delicatezza. Un film, che a chi ha vissuto sulla propria pelle l’esperienza, arriva dritto alle budella.

Regia: Leonardo Van Dijil
Sceneggiatura:Leonardo Van Dijil
Fotografia: Wim Vanswijgenhoven
Montaggio: Tom Denoyette