Ultima chiamata per WPU 2° edizione a Stabio

Parte il 12 settembre e sarà possibile iscriversi fino al giorno prima!

Il Workshop di progettazione urbana nasce dall’iniziativa dell’Associazione Microcittà- laboratorio sulla città dell’uomo, in collaborazione con lo Studio di Architettura Felicia Lamanuzzi e un gruppo di cittadini che condividono la volontà di formulare un modo di abitare le città alla dimensione umana e non solo automobilistica.
Esso è inteso come laboratorio intensivo di progettazione alla scala architettonica e urbana: una sorta di occasione di confronto per approfondire in modo interdisciplinare i temi legati alla riqualificazione e allo sviluppo delle aree residue sperimentandone il potenziale di generatori di qualità urbana.
Partendo dalla percezione dei luoghi nella loro dinamica sociale e territoriale, il workshop vuole verificare la validità di questo metodo contro la
diffusa pianificazione territoriale.
Obiettivo generale è comprendere le variabili sociali che generano la costruzione dei luoghi, ed elaborare delle forme spaziali nelle quali possano trovare la loro concretizzazione: luoghi per la gente, punti d’incontro, dove condividere valori e celebrare il “rito dell’urbanità” (il valore della civitas).
Iniziando da un accurato lavoro preliminare d’indagine del territorio, la ricerca approda all’individuazione di punti fisici d’innesco, anche marginali, ma sensibili per la loro capacità di allargare il “contagio” della rigenerazione urbana di qualità: piccole situazioni, luoghi fisici specifici in cui poter definire delle azioni concrete, delle tecniche di trasformazione, anche minimali, capaci però di stimolare il metabolismo urbano e di produrre una conversione dello spazio pubblico da anonimo ad identitario.

“Piccoli interventi di rammendo che possono innescare la rigenerazione anche attraverso mestieri nuovi, microimprese, start up, cantieri leggeri e diffusi, creando così nuova occupazione. Si tratta solo di scintille, che però stimolano l’orgoglio di chi ci vive.
Questi frammenti vanno scovati e valorizzati. Ci vuole l’amore, fosse pure sotto forma di rabbia, ci vuole l’identità, ci vuole l’orgoglio di essere periferia”. Renzo Piano, Periferie, Diario del rammendo delle nostre città, 2014

È anche previsto un’accattivante tour alla scoperta delle architetture di Snozzi, Vacchini, Durisch e Nolli che punteggiano il nostro territorio

tutto il programma al sito!