Nell’ambito del concorso #faigirarelacultura della passata edizione, che ha selezionato e premiato progetti di autori e artisti della Svizzera italiana e del nord Italia sull’omonimo network, il romanzo storico “Terra bruciata. Le streghe, il boia e il diavolo” (Capelli Editore) dello scrittore Gerry Mottis si è inoltre aggiudicato il Premio Speciale Giada Bianchi, che dava diritto all’elaborazione fotografica del suo ultimo lavoro editoriale interpretato dall’artista ticinese.

Dopo aver accuratamente letto il romanzo stregonesco di Mottis, Bianchi ha interpretato la vicenda narrata in uno scatto che rappresenta un suggestivo falò su fondo tetro che rievoca in tutta la sua forza commemorativa i roghi seicenteschi e le intolleranze del passato.

L’opera è una stampa fotografica su alluminio 3mm, 60cm x 60cm, e reca come didascalia un brano estratto dal libro: “Nulla potrà mai cambiare se continuiamo a fare ciò che facciamo senza chiederci se sia giusto o sbagliato”.