imagesRicordare la propria città. Ripercorrere le tappe della vita che ci hanno accompagnati. Senso di nostalgia spesso. Ma una nostalgia che da fuoco ad una piccola miccia capace di far esplodere in petto belle emozioni.

Souvenir di Lugano. Generazioni a confronto per raccontare una città che cambia. Riconoscersi nelle parole, nella malinconia a volte. Immagini di una comunità che rimpiange maggiore coesione, rimpiange di non essere più percepita tale.

La deriva del non luogo. La mancanza di segni d’identità più forti. I palazzi scompaiono, gli eventi che perdono attrattiva e l’omologazione avanza.

Cosa è ancora tipico di Lugano?

Ce lo chiediamo tutti. Ma il ricordo è capace di riportare con se il valore. E ricordare tutti insieme aiuta a trovare la strada per il futuro. L’umano sentire. Un lavoro sulla memoria, sul feticcio perfino, che sa ricreare quel senso d’appartenenza comune. Comune a una città. Comune a un popolo. Comune all’umano sentire.

FIT Festival Internazionale di Teatro 2016 – Sull’umano sentire – un documento