Innovativa e utile, ma la speranza del suo ideatore è che che diventi poi indispensabile! Parliamo della StrumentoTeca, una biblioteca di strumenti che aprirà i battenti il prossimo 2 febbraio presso il rifugio della Protezione Civile di Bioggio. Abbiamo incontrato Claude Birrer per farci raccontare la sua idea.

Che cosa è la StrumentoTeca e perché hai pensato di impegnarti in questo progetto? «La Srumentoteca è semplicemente una biblioteca di strumenti musicali. Funziona infatti come una normale biblioteca, gli utenti si associano pagando una piccola quota e poi possono prendere in prestito uno strumento musicale per un certo periodo di tempo. L’idea che secondo me rende ancora più interessante la StrumentoTeca è che gli strumenti vengono donati alla StrumentoTeca da chiunque ne abbia di inutilizzati. In questo periodo, infatti, sono in giro per il tutto il Ticino a raccogliere strumenti».

Come sta andando? «Sta andando molto bene, c’è un grande interesse per il progetto e una buona risposta. Quasi chiunque ha in casa un qualche vecchio strumento che non usa più da tempo, e che li donano volentieri questo mi fa piacere».

Come si può contribuire alla sua buona riuscita?« Il miglior contributo per la riuscita del progetto è che se ne parli. Come già detto le persone partecipano volentieri, donando i loro vecchi strumenti, quindi più persone si riuscirà a contattare e informare, più strumenti avremo a disposizione in StrumentoTeca!»