L’Ass. culturale Muri di Versi torna per un nuovo appuntamento a sostegno della socialità poetica: sabato 15 dicembre 2018 alle 19.00, allo Studio d’Arte Nino Noce in via San Vitale 57 a Bologna, MU(RI)TORNA con la secret performance RESTA IN ASCOLTO, giocata tutta sul tema dell’udito, tra suono e silenzio. Un’occasione per condividere poesia, arte, musica e socialità, e per raccontare la neonata Associazione Culturale e i suoi progetti futuri. L’obiettivo rimane sempre lo stesso: costruire assieme dei muri che non dividano, dei muri che possano essere dei ponti di incontro, dei muri di versi.

RESTA IN ASCOLTO è il primo evento PRE-Festival, in vista della 5a edizione Muri di Versi, Festival di poesia di strada che si svolgerà il 18-19 maggio 2019 nella Social Street di Via Fondazza.

Muri di Versi nasce nel 2015, dall’intuizione di Anita Bianco e Francesca D’Agnano come Festival di poesia di strada in Via Fondazza, prima Social Street d’Italia e del mondo. L’allestimento -interamente gratuito- è una vera e propria galleria a cielo aperto che coinvolge cittadini bolognesi, residenti di Via Fondazza, realtà culturali-poetiche di altre città (Roma, Trento, Brindisi e Milano) e artisti e collettivi poetici come il MEP (Movimento per l’emancipazione della poesia), Ma Rea, Mister Caos, Scatola Blu, Iononsonounpoeta, Fuoco Armato e molti altri.

Nel corso delle varie edizioni di Muri di Versi oltre alla poesia vengono incluse la musica, la danza, il teatro, la fotografia e la pittura, e altre arti performative. Il collettivo a settembre 2018 diventa ufficialmente Associazione Culturale, con l’intento di continuare a ideare e promuovere, sul territorio regionale e nazionale, sempre nuovi progetti culturali e sociali da affiancare alle già importanti e consolidate collaborazioni, come quella con il carcere di massima sicurezza Opera di Milano per il progetto POESIE DAL CARCERE e quella con l’associazione MENOPERONO DALLE PAROLE AI FATTI. POETI PER CAMERINO a favore dei terremotati nel maceratese colpiti nel 2016.