Giovedì 19 e venerdì 20 ottobre ore 20.45 – Teatro Sociale di Bellinzona

Per presentare il suo spettacolo Paolo Rossi, attesissimo al suo ritorno a Bellinzona, parte dal sottotitolo: «Per anarchico gentile non si intende qui un terrorista che prima chiede permesso e poi piazza l’esplosivo. Ma semplicemente un eversivo educato, per bene e assai generoso… cioè io». E cosa farà dunque questo eversivo atipico nel suo spettacolo sul palco del Sociale? Ancora Paolo Rossi: «mi affiderò al genere dell’intervista in cui, come in bizzarre conferenze, il pubblico sarà per forza o per forza inevitabilmente coinvolto. Il tema o, meglio, i temi saranno ristretti alle quattro voci del sottotitolo, ma tollererò tutte le imprevedibili e scontate divagazioni.

Ci saranno anche i musicisti, l’avanguardia dei Virtuosi del Carso. E quindi anche musica, canzoni, scimmie e cotillon. Sul palco tre sedie per noi e una vuota per l’intervistatore ospite… Sorpresa! L’intervistatore verrà scelto di sera in sera tra il pubblico a insindacabile giudizio del Capocomico e della Compagnia. E insieme ci sarà una hostess in sala con microfono alla mano per assistere, sostenere e amplificare il gentile pubblico pagante e che verrà reclutata nel foyer tra i simpatici spettatori e di sua spontanea volontà obbligata a farlo». Paolo Rossi non si smentisce. Mai.
www.corteospitale.org