Parte sabato 20 ottobre la nuova stagione del teatro ilCortile.  

Si inizia sa20 e do21 ottobre ‘18 (sa20:45 / do17:00) con un recital di grande successo, Dimenticando Gaber, omaggio al grande Giorgio Gaber, in cui Santoro, voce recitante, sarà accompagnato dal vivo da Claudia Klinzing, polistrumentista di grande talento. Cinque splendidi (e divertenti) racconti-monologo, diversi uno dall’altro, che però si uniformano all’unico interrogativo: capire a che punto sono i nostri sentimenti, quanto e se sono gonfiati, isterici o veri.

Sa17 e do18 novembre ‘18 (sa20:45 / do17:00) La panne, di Friedrich Dürrenmatt un altro recital che ha riscosso ottimi consensi di pubblico e critica, tratto dal geniale racconto dell’autore elvetico. La vicenda di quattro anziani un po’ matti, un commesso viaggiatore e una cena in cui il gusto per il cibo e il vino si lega con quello per la giustizia, con un finto processo. Un racconto che diverte e tiene col fiato sospeso dall’inizio alla fine e che svela un finale inaspettato e sorprendente. Emanuele Santoro alla voce, accompagnato dalle musiche dal vivo di Roberto Albin. Da non perdere!

Sa1 e do2 dicembre ‘18 (sa20:45 / do17:00) La giara, di Luigi Pirandello, nuovo recital di Emanuele Santoro, ancora accompagnato dalla musica dal vivo di Roberto Albin. Novella del grande autore siciliano, in cui, con umorismo, si racconta la vicenda di Don Lolò Zirafa, proprietario terriero ricco e avaro, cui viene rotta una enorme giara. Il moltiplicarsi di punti di vista, la Sicilia, i conflitti tra le persone e il morboso attaccamento ai beni materiali sono i temi che compongono l’opera, tra le più famose dell’autore.

Sa12 e do13 gennaio ‘19 (sa20:45 / do17:00) rivedremo un altro spettacolo di grande successo di Santoro, Caligola (s) concerto, da Albert Camus. Un recital di grande impatto e forza espressiva. Tratto dal capolavoro di Camus, il testo affronta il tema della lotta tra la coscienza individuale e la burocrazia politica e intellettuale, attraverso la vicenda tragica di un imperatore folle e crudele, che dopo la morte della sorella e amante scopre una verità semplice e terribile: gli uomini muoiono e non sono felici. Voce recitante sarà sempre Emanuele Santoro, accompagnato dagli strumenti di Claudia Klinzing.

In febbraio e marzo ‘19 rivedremo la mini rassegna di recitals tratti da Dieci, i dieci comandamenti secondo Andrej Longo. Tre appuntamenti che nella scorsa stagione hanno registrato un grande successo di pubblico e critica. I dieci racconti, interpretati da Roberto Albin e Emanuele Santoro, sono suddivisi in tre serate, e colgono situazioni di vita che formano un quadro agghiacciante della Napoli d’oggi: da angolazioni tutte diverse disegnano una mappa del dolore, della violenza, delle assurde condizioni in cui una metropoli vive al limite dell’intollerabile. Scene veloci, ricche di dettagli, che raccontano fatti a volte atroci in una maniera calma, quasi ovattata, come a sottintendere che quei fatti non sono eccezionali ma normale amministrazione. Assolutamente da non perdere! Gli appuntamenti sono per sa2,do3 febbraio ‘19 Dieci /parte prima, sa23,do24 febbraio ‘19 Dieci /parte seconda, e sa16,do17 marzo ’19 Dieci /parte terza. (Sa20:45 / do17:00).

Dal 10 al 14 aprile ’19 (me-sa20:45, do17:00) sarà in scena La lezione di Eugène Ionesconuova produzione della e.s.teatro di Emanuele Santoro, che lo vedrà protagonista con Fabiana Crivelli e Antonella Barrera della messinscena del testo più importante, rappresentativo e di successo dell’autore rumeno.