18° festival internazionale di teatro con figure e ombre 

Da mercoledì 17 agosto 2016 a Locarno e in diversi Comuni del territorio approdano da vicino e da lontano pupazzi, marionette e burattini protagonisti de Il Castello Incantato 18° edizione, festival internazionale di teatro con figure e ombre, con la direzione artistica di Santuzza Oberholzer della compagnia Teatro dei Fauni.

Il Festival è itinerante e si sposta di sera in sera, fra lago e montagna, presentando 16 spettacoli diversi che spaziano fra le ombre e i burattini, fra l’Europa, l’India e il Sud America. Gli spettacoli si tengono nelle piazze, nei sagrati delle chiese, sulle rive del lago, “invadendo” allegramente 13 teatri all’aperto del Locarnese. Sono 9 i Comuni che sostengono la manifestazione e permettono così l’entrata gratuita. In caso di brutto tempo è sempre disponibile un luogo al coperto.
La 18ma edizione ospita 45 artisti, oltre 150 burattini, pupazzi e maschere, innumerevoli ombre e disegni di sabbia.

Edizione 2016 in breve:

La storia del teatro popolare si è sviluppata e tramandata in famiglia. Nel teatro di figura sono tornati i “figli d’arte”, ereditano il mestiere e i variegati strumenti, per dar vita a burattini e marionette. Questa forma di imparare “a bottega” storicamente riguardava anche la conservazione e protezione dei “segreti”, che ogni maestro preservava gelosamente. Ora non ci manca certo l’informazione, nel cui groviglio a volte per i giovani artisti è difficile trovar la propria strada. Così in questo festival si intrecciano le generazioni di artisti: maestri e giovani sperimentatori, genitori e figli, tradizione e sperimentazione. Sul palco si fondono anche le diverse arti del teatro di figura con altre arti. La metà degli spettacoli ha musica dal vivo e in una buona parte i pupazzi, ombre e marionette si fondono con il teatro corporeo, le arti circensi e la danza.

I personaggi degli spettacoli sono pezzi unici, tutti costruiti artigianalmente, i burattini sono in legno ma sono molti i materiali che formano la muscolatura di questi attori, che spesso diventano come figli, per i loro creatori.

Ogni sera uno spettacolo diverso narra intrighi e storie semplici, farse o drammi esistenziali con leggero distacco e ironia, o con esagerata enfasi con cui si esprimono le figure, che diventano specchio di drammi, di ridicoli comportamenti umani e simbolo di situazioni interiori. Sempre nel segno dell’arte all’insegna della tradizione, ospite eccezionale quest’anno la mitica compagnia indiana Milòn Mèla, che offre tra spettacolo e proposta di formazione un assaggio del vasto panorama della creatività di un Paese per molti aspetti ancora misterioso.

In questa edizione, tre sono le produzioni svizzere, tra cui alcune tradotte in italiano appositamente per il festival. Diversi gli spettacoli con pupazzi da tavola come protagonisti, in cui l’animatore spesso a vista, sparisce dietro la forza espressiva delle figure. Uno spettacolo con la tecnica del teatro d’ombra, e uno con i disegni di sabbia. I tanto attesi burattini saranno: tradizionali, innovativi, con le gambe, con le loro sparizioni, bastonate, fiammate e tutti gli antichi trucchi di quest’arte. Cinque spettacoli di artiste soliste, ognuna con la sua delicata ironia e sfrenata immaginazione.

 

 

Laboratori

Anche quest’anno attenzione particolare alla formazione, con vari laboratori rivolti a target diversi.

Doppia proposta per bambini e ragazzi: Laboratorio Il paese degli allunghini: costruzione e animazione pupazzi della durata di 5 giorni (22 -26 agosto) presso Atelier Teatro dei Fauni Locarno con la burattinaia e attrice Vicky De Stefanis, per imparare a costruire ed animare animali parlanti con saggio finale (26 agosto) da 6 a 12 anni. Informazioni e iscrizioni entro il 18 agosto: Tel. 079 331 35 56, E-mail: fauni@bluewin.ch

Oppure Laboratori di costruzione di burattini al volo, in meno di un’ora il pubblico costruisce con il materiale messo a disposizione dal festival, un burattino, una marionetta ogni sera diversa che poi si porta a casa. Basta presentarsi nel luogo dello spettacolo alle ore 19.50 senza iscrizione (18, 19, 20, 25, 26 agosto, 2 e 3 settembre ore 20.00-21.00 per tutti).

Dai 12 anni e per adulti il laboratorio con 10 artisti di Milòn Mèla (19-21 agosto) di Danze – Arti Marziali – Atha yoga – Canti sacri dall’India, che può essere seguito integralmente o anche in parte, a La Fabbrica di Losone.

spettacoli: Info: fauni@bluewin.ch – tel. 079 331 35 56 – programma e aggiornamenti su www.teatro-fauni.ch