Flying Film Festival presenta Arūnas Matelis.

L’ululato di un cane, passi nella neve, il grigiore di una giornata come tante a Uzupis, quartiere della capitale lituana. Colbacchi e sapore di antico di un altro tempo e Misha col suo passo un po’incerto. La costruzione di un piccolo tempio, un mausoleo nel cimitero, è occasione per ritrovare generazioni lontane e riscoprire una presenza dimenticata.

La vita di ogni giorno scorre a Uzupis e tu, dall’altra parte dello schermo, osservi da fuori e sembra di stare a guardare dalla porta, una porta che racconta un viaggio lontano anche nel tempo, eppure è qui, è ora. La disquisizione su Dio, in un paese dove sembra non passarci da molto, il canto partigiano accende lo sguardo di Misha, mentre il giorno scorre e tu aspetti che qualcosa di nuovo accada, aspetti con loro.

Difficile raccontare il documentario breve di Arūnas Matelis, che propone allo spettatore un viaggio nella storia, un viaggio nel cambiamento di un intero paese, un viaggio moderno, che va vissuto, va sentito. Non può essere raccontato.

10 minuti di mondo.

Scritto e diretto: Arūnas Matelis
Riprese: Rimvydas Leipus
Musiche:  Faustas Latėnas
Suoni: Vidmantas Kazlauskas
Editing: Danutė Cicėnaitė
Prodotto da: Lithuanian Film Studios, studio Nominum