Concreta VENERDÌ 27.05 – ORE 20:30 SABATO 28.05 – ORE 20:30 DOMENICA 29.05 – ORE 20:30 TEATRO FOCE, LUGANO

Lo spettacolo
In “Dialoghi sulle alture” si discute e si parla del cammino di un uomo, dei suoi percorsi a volte illogici, visti attraverso gli occhi di alcuni misteriosi eruditi che vivono sulle alture. Questi saggi, chiamati anche tuteli dal nome dei mantelli che indossano, appartengono a una dotta congregazione esperta nell’esercizio di misteriose discipline come la lettura cieli e l’onironautica. Adam è l’uomo a cui in una notte buia è stato tolto tutto, anche la luce da seguire. Viaggiando all’interno di una valigia incapperà in Arianna, un gomitolo rosso facilmente irascibile, e dovrà vedersela con le temibili pantere indaco prima di imboccare la mulattiera segreta che conduce fino alle alture. A guidarlo c’è solo il poetico zinzilulare delle rondini. Cosa lo attende alla meta? Riuscirà ad ascoltare il canto festoso delle campane delle alture?

La Compagnia “Dialoghi sulle alture” rappresenta un ulteriore passo avanti nel percorso della compagnia, che si presenta per la prima volta con un testo scritto da Diego Willy Corna su un suo soggetto originale. Le musiche originali sono di Giuseppe Senfett. La scenografia è di Irene Agostino. La prima produzione della compagnia dell’insieme artistico dinamico Concreta risale al 2012, quando esordì con “Mozart e Salieri” di A.S.Puskin, frutto di uno studio ispirato a Mozart, che si completò l’anno successivo con “L’ospite di pietra”, dello stesso autore russo. Nel 2015, il regista Diego Willy Corna propose “Aspettando Godot” di Samuel Beckett e come consuetudine ne firmò la regia. Scelta che si rivelò azzeccata per la compagnia che tutt’oggi gode del successo dell’originale messa in scena che continua a suscitare interesse nei teatri, nel pubblico e nelle scuole con diverse repliche previste. Destare interesse per le arti sceniche, per la musica, il teatro e la sua letteratura, è la principale vocazione di Concreta, che con grande freschezza persevera nel rivolgersi a un pubblico di tutte le età, con un particolare riguardo ai giovani.

Fondata nel 2006 dallo stesso regista e attore della compagnia, Diego Willy Corna e dalla
danzatrice Nunzia Tirelli, l’associazione si presenta come un insieme artistico dinamico che promuove la ricerca e la diffusione di una cultura volta a rafforzare il valore della persona attraverso le arti espressive e i progetti creativi.