#arteinquarantena Opera1

“In questi giorni in cui abbiamo un po’ di tempo per pensare e ripensarci, in cui le persone che scrivono nei social dicono sempre le stesse cose e, soprattutto, musei e gallerie sono chiuse, mi sono ricordata di quando, durante la guerra, il personale dell’Hermitage a San Pietroburgo ha continuato a descrivere i quadri davanti a delle cornici vuote, mentre le opere erano riposte al sicuro dal conflitto. Questo è il potere dell’arte: andare oltre e permetterci di, come diceva Dante nell’Inferno, “Uscire a riveder le stelle”.

Anna Radelli