MARTEDÌ 23.01 – 20:30 MERCOLEDÌ 24.01 – 20:30 TEATRO FOCE DI LUGANO

Amore ricucito racconta le ossessioni di una coppia che tenta con ogni mezzo di trasformare la propria storia d’amore nel legame stabile di una famiglia.

Un testo scioccante questo di Anthony Neilson in cui una donna ed un uomo intrecciano idiosincrasie e speranze in una partita a due giocata sulla violenza verbale, su ricatti psicologici e su improbabili giochi erotici. Un percorso che va a scavare nelle parti più segrete dei nostri cuori, laddove non entriamo mai per paura di ciò che potremmo trovarci. Infatti uno dei temi principali è proprio la paura di vivere e di accettare il nostro destino senza domandarsi se ce ne poteva essere uno migliore.

La vicenda si sviluppa grazie alla concatenazione di momenti temporali che si intrecciano senza un chiaro ordine cronologico, lasciando allo spettatore il compito di ricomporre l’intera trama. Un meccanismo che può far soccombere lo spettatore di fronte alla potente morbosità viscerale di questo lavoro, ma che può anche permettergli di confrontarsi con il proprio egoismo e con la quantità e la qualità di amore ch’è disposto a dare ed a ricevere dagli altri. Questo conflitto continuo legato all’affettività nei riguardi di chi amiamo: figli, compagni di vita, genitori, qui si incontra e si scontra con le radici stesse della nostra umanità. Tra le parole e le azioni disperate dei due protagonisti, si percepisce
un urlo interiore senza suono, che denuncia la nostra attuale e devastante solitudine.