A maggio del 2016 nei campi profughi del nord della Grecia ho conosciuto Ibrahim, Noar, Mariam, Abdulazez e tante altre persone. Scappavano dalla crudeltà della guerra in Siria, in Afganistan e in Iraq. C’erano anche Barbara, Leonardo, Andrea, Valentina, e molti altri volontari giunti dalla Svizzera, l’Italia e la Spagna. In quell’assurdo contesto, davanti alle porte chiuse dell’Europa, non eravamo gli europei e i profughi. Eravamo persone, ognuna con un nome e una storia, che condividevano un bicchiere di thè chai, lavoravano insieme e si scambiavano i numeri di telefono per restare in contatto”, racconta Ricardo Torres, documentarista e fotografo colombiano residente in Ticino, che dal primo d’agosto propone un’installazione di grande potenza emotiva nel tunnel di Besso.
L’impotenza del primo impatto si trasformava nell’idea che il mondo sarebbe un posto meno inospitale se le persone riuscissero a sconfiggere la paura, mettersi uno di fianco all’altro e conoscersi. Ho immaginato che quest’idea potrebbe essere rappresentata e riportata ovunque con un gesto semplice, un abbraccio.
Trasportando l’idea alla realtà locale, Ricardo ha scattato a Lugano più di un centinaio di ritratti di persone autoctone e straniere di ogni provenienza, che posti uno in fila all’altro risultano uniti in un lungo abbraccio. I ritratti rivestiranno le pareti del sottopassaggio per dare il benvenuto a residenti e passeggeri.
L’installazione segue le linee guida di Inside Out: the People’s Art Project, una piattaforma ideata dallo street artist JR che fornisce un concetto d’azione artistica partecipativa globale, in cui si usa lo spazio pubblico per sensibilizzare su tematiche di interesse locale o universale, per creare un movimento verso il cambiamento positivo.

L’appuntamento è il 1° d’agosto 2017: Affissione dalle 9.00 alle 15.00 e inaugurazione in festa con aperitivo multietnico dalle 17.00 alle 20.30 al Tunnel di Besso. L’installazione rimarrà affissa per una durata indefinita.

Un progetto dell’Associazione REC, in collaborazione con: SOSTicino / Arte Urbana Lugano, progetto della Divisione Eventi e Congressi.

Con il sostegno di: Amnesty International gruppo Ticino / CoMundo e InterAgire / Divisione prevenzione e sostegno, Città di Lugano / Fondazione Diritti Umani / Servizio per l’integrazione stranieri (Repubblica e Cantone Ticino) / Servizio per la lotta al razzismo (Confederazione Svizzera).

Maggiori informazioni e aggiornamenti: http://www.t-rec.ch/welcome-un-abbraccio-contro-il-razzismo/

SHARE