Degli spettacoli è bello anche l’arrivo, l’approccio, l’avvicinamento. Fiumane di gente che compaiono da ogni dove per lasciarsi colpire e meravigliare da ciò che accadrà. Un po’ come andare con coscienza verso il bello, concedendoselo. Come stavolta, dove per arrivare al Forum di Assago è stato sufficiente seguire il brulicare dell’emozione, ed eccoci là. Credo che a volte il prezzo del biglietto sia ripagato anche solo dall’essere avvolti da così tante persone attente, ascoltarne il respiro, i gridi di entusiasmo e l’applaudire all’unisono.

Varekai. In lingua gitana significa ovunque, e come sempre il Cirque du soleil è stato in grado di spargere con maestria quella cosa lì che chiamo stupore ma che non si ferma solo a quello, perché è uno stupore capace di andare avanti per giorni, per anni. Come ritrovarsi un domani ad abbinare un giallo a un verde e blu e ripensare alle strane creature che animavano il palco diventato fondo del mare; o sentire un passaggio di musica nomade e ritrovarsi là, fra corpi volanti e palloni illuminati; oppure ancora da un bagliore avere la necessità di allungare un braccio perché lei ha fatto così, con una grazia che forse solo gli angeli potrebbero. E infatti la storia di questo spettacolo parla proprio di un angelo caduto in un mondo straordinario e mai più ripartito perché ha incontrato l’amore, il sentimento che quella sera hanno respirato un po’ tutti ovunque, un po’ tutti varekai.

SHARE
Scavalco finestre, sbircio nei cassetti, sbuco dagli armadi e mi arrampico per canne fumarie. A volte formica, altre cornacchia, in veste di bradipo osservo il mondo, lasciando al torpore dell’ozio il compito di amalgamare sogni, fantasie e realtà… un mix che spaccio per una caramella al gusto di melanzana, da mordere tutti assieme al tramonto, dopo il mio “un.. due… tre!”.