Teatro Elicantropo presenta il 3 ottobre alle ore 21.00 alla Sala teatro Lac, Scannasurice  una prima nazionale.

Scannasurice, possiamo definirlo senza paura di essere smentiti, come un  piccolo classico del teatro napoletano contemporaneo.

Tre grandi personalità del teatro italiano  firmano testo, regia e interpretazione: Enzo Moscato autore di culto del teatro napoletano contemporaneo, Carlo Cerciello regista pluripremiato, e Imma Villa, straordinaria attrice, qui insuperabile nella sua interpretazione.

Scannasurice è una sorta di discesa agli “inferi”, di un personaggio dalla identità androgina, nell’ipogeo napoletano dove abita, all’interno di una stamberga, tra gli elementi più arcani della napoletanità, in compagnia dei topi. Il personaggio fa la vita, “batte”. E’, originariamente, un “femminiello” dei Quartieri Spagnoli di Napoli, ma i femminielli di Enzo Moscato sono creature senza identità, quasi mitologiche. Oltre l’identità sessuale, sono quasi magiche. Per questo ne è interprete un’attrice che del personaggio esalta l’ambiguità e l’eccesso. Una volta smontata la sua appariscente identità, indosserà la solitudine e la fatiscenza stessa del tugurio dove vive. Sarà cieca Cassandra, angelo scacciato dal Paradiso, sarà maga, sarà icona grottesca e disperata, ma sempre poetica.

 

di Enzo Moscato (Premio UB, Premio IDI, Premio Riccione/ATER) – regia Carlo Cerciello (Premio UBU, Premio ETI Olimpici del Teatro, Premio Hystrio) – con Imma Villa (Premio Ass. Critici di Teatro) – scena Roberto Crea – musiche originali Paolo Coletta – suono Hubert Westkemper – costumi Daniela Ciancio –aiuto regia Aniello Mallardo – assistenti regia Tonia Persico, Serena Mazzei – Produzione Teatro Elicantropo – Anonima Romanzi & Prospet.

Premio della Critica 2015 come Migliore Spettacolo – Enzo Moscato (Premio UBU, Premio IDI, Premio Riccione/ATER) – Carlo Cerciello (Premio UBU, Premio ETI Olimpici del Teatro, Premio Hystrio) – Imma Villa (Premio Ass. Critici di Teatro)

 

SHARE