Una mostra temporanea a cura di Artrust, dal 19 febbraio. Alla Gipsoteca Giudici di Lugano.

Artrust e Fondazione Gianluigi Giudici presentano la mostra “Forme”, dedicata all’artista italo-svizzero, Italo Valenti. Allestita dal 19 febbraio al 30 aprile presso gli spazi della Gipsoteca Giudici di Lugano, la mostra temporanea curata da Artrust presenta oltre quaranta opere dell’artista, ripercorrendo alcune delle fasi che hanno caratterizzato la sua produzione: dalla serie dei trenini, a quella delle lune, fino ai collages e alle forme astratte che lo hanno reso noto in tutto il mondo.
Forme” è il titolo della mostra temporanea dedicata al pittore Italo Valenti, che sarà allestita presso la Gipsoteca Gianluigi Giudici dal 19 febbraio al 30 aprile 2017. Curata da Artrust, società d’arte con sede a Melano (Ticino), la mostra presenterà al pubblico una selezione di circa quaranta opere dell’artista, appartenenti alla collezione Artrust, integrate da un significativo prestito da parte dell’Archivio Valenti. Milanese di nascita, Valenti intreccia la sua vita con il Ticino, dove si traferisce definitivamente nel 1952 (acquisirà la cittadinanza Svizzera nel 1981). Tra i membri del gruppo artistico Corrente, Valenti sviluppa un proprio linguaggio personale, che lo renderà internazionalmente noto, soprattutto grazie al successo della serie dei collages.

«Le “forme” di Italo Valenti ci emozionano per la loro eleganza e semplicità, per la carica poetica e per la leggerezza con cui occupano lo spazio della tela, quasi non sentissero l’influenza della gravità. Questa mostra temporanea presso la Gipsoteca Giudici a Lugano, vuole presentare al pubblico alcune delle fasi della carriera di questo grande artista – afferma Patrizia Cattaneo, Direttrice di Artrust dalle serie dei trenini, a quella altrettanto nota delle lune, al periodo più gestuale, sino ai collages e all’astrattismo lirico cui Valenti approda proprio durante la sua permanenza in Ticino.»

«Italo Valenti condivide con Gianluigi Giudici non solo l’origine italiana ma anche il profondo legame con il Ticino – aggiunge Renato Giudici, Presidente della Fondazione Renato e Gianluigi Giudici – inaugurare il 2017 con questa mostra temporanea, che fa dialogare la plasticità delle sculture di Gianluigi con l’impalpabilità delle forme di Italo, ci è sembrato il modo migliore per omaggiare l’arte di entrambi».

«Nel 2006 ho ripreso e mi occupo dell’Archivio Italo Valenti – afferma Simone Cornaro, responsabile dell’Archivio Valenti che fino allora era stato gestito da mia madre Anne de Montet Valenti. È stato un grande piacere per me poter integrare alcune opere di Italo appartenenti all’Archivio nella cospicua e “inattesa” collezione di Patrizia Cattaneo, che mi dice aver amato i quadri di Italo fin dalla sua gioventù, quando accompagnava suo padre a esposizioni e aste. Ringrazio Patrizia e tutti i suoi collaboratori per il loro entusiasmo, la loro professionalità, efficacia e la loro gentilezza».

La mostra è corredata da un catalogo illustrato a colori, che presenta tutte le opere in mostra, alla cui realizzazione hanno collaborato con interessanti approfondimenti critici il prof. Carlo Carena, profondo conoscitore e amico dell’artista, la storica dell’arte italiana dott.ssa Elena Pontiggia e l’artista luganese arch. Aymone Poletti.

In concomitanza con la mostra temporanea, il Museo in Erba, situato proprio di fronte alla Gipsoteca Giudici, proporrà un’animazione multidisciplinare per le classi e alcuni laboratori per bambini e famiglie.
ITALO VALENTI @ GIPSOTECA GIUDICI
Mostra Temporanea

19 febbraio – 30 aprile 2017
dal mercoledì al sabato, ore 10-18
aperture domenicali: 19 febbraio – 5 marzo – 2 aprile, ore 10-18

Gipsoteca Gianluigi Giudici
Central Park, Primo piano
Riva Antonio Caccia 1a
6900 Lugano
www.fondazionegiudici.com
tel.: +41 (0)91/980 41 41
mail: gipsotecaggiudici@gmail.com 

Per maggiori informazioni:
www.artrust.ch/mostravalenti
www.fondazionegiudici.com

SHARE