Chi si assomiglia si piglia… per i fondelli.

Chi si assomiglia si piglia… per i fondelli.

6229
by clarita morgueFile

Chi si assomiglia si piglia … per i fondelli. Al mondo esistono un sacco di detti, utili per ogni occasione. Ad esempio quando due persone hanno poco o nulla in comune ma si piacciono si dice che “i poli opposti si attraggono”; quando invece uno è praticamente la copia dell’altro, si usa dire che “chi si assomiglia si piglia”. Prova ora a immaginare una persona che sia come te, con le stesse passioni, paure e capacità, come pure con i medesimi imbarazzi, hobby e fastidi. Inseriscila nella tua stessa vita e nelle situazioni che ti capita di affrontare; in pratica mettiti per un attimo tra il pubblico e osservati da fuori.

Guardati: tu quella volta che non sei riuscito a dire ciò che volevi perché non ne hai avuto il coraggio o non ti sono venute le parole; tu che speravi di ricevere un bel complimento per il lavoro appena svolto ma nessuno ti ha dato retta; tu che stavi a piangerti addosso nella tua cameretta quando sarebbe bastato uscire e fare due tiri al pallone; tu che cambi strada perché hai visto arrivare una persona che ti piace molto ma hai temuto di inciampare davanti ai suoi occhi. Ebbene: che effetto ti fa? Vero che a vedersi dal fuori a volte sembra tutto così diverso? In un caso ti verrebbe voglia di urlare all’attore “svegliati”, nell’altro “reagisci”, nell’altro ancora “ma chi se ne frega”, o in un altro caso “dai che ce la fai: buttati!”.

Dunque, la prossima volta che ti senti sopraffatto dalle emozioni, immagina una persona che ti assomiglia molto e pigliala… per i fondelli, prendila in giro. Perché la cultura passa anche da questo: l’autoironia! È una parola magica che basta utilizzare e puff… come per incanto tutto sembra meno difficile e più leggero, lo stato d’animo giusto per permettere allo spettacolo di continuare. In pratica: fai girare la cultura prendendola in giro, e the show must go on!

LadyMendri8

SHARE
Scavalco finestre, sbircio nei cassetti, sbuco dagli armadi e mi arrampico per canne fumarie. A volte formica, altre cornacchia, in veste di bradipo osservo il mondo, lasciando al torpore dell’ozio il compito di amalgamare sogni, fantasie e realtà… un mix che spaccio per una caramella al gusto di melanzana, da mordere tutti assieme al tramonto, dopo il mio “un.. due… tre!”.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY