Liv Laveyne, su cobra.be scrive: le immagini sono di una bellezza irresistibile. Uno spettacolo intelligente, veramente contemporaneo nell’uso dei media.

Di cosa parla? Di Act to forget, inscena al Foce il 2 ottobre alle 20.30.

Tom Struyf trova una sua vecchia fotografia di se stesso che non ricorda e inizia la sua battaglia con la  sua memoria. Attraverso le conversazioni con un neurochirurgo, uno psicologo, un sensitivo e sua nonna, cerca di scoprire cosa sta succedendo nella sua testa. Quando si accende una lampadina nella sua testa è in cima sulle montagne svizzere, Tom, infine, realizza ciò che ha dimenticato tesi tutti i tempi.

Act to forget si trasforma da ingenuo tentativo di capire come le nostre azioni sono determinate dal nostro pensiero in un appassionato appello all’amore, col passare del tempo e delle generazioni.

 

Testo, di e con Tom Struyf – Co-creazione Willem De Maeseneer – Video e montaggio Geert De Vleesschauwer – Tecnica Klaartje Vermeulen Geert De Vleesschauwer – Produzione WATMARSWAS – In coproduzione con kultuurfaktorij Monty & detheatermaker – Con il supporto di  kc STUK, wp Zimmer,HETPALEIS, SACD e Government of Flanders

 

 

 

SHARE